Immagine del post
Immagine del post

Come promesso in questo post, ecco il primo video dell’Oilproject Meeting di Firenze del 28 ottobre scorso. Si tratta dell’intervento di Lorenzo Perone dedicato ai sistemi informativi territoriali e ai GPS: “Uilizzi poco convenzionali: divertirsi con Google Earth & Co

In un momento in cui l’informazione geografica distribuita è davvero alla portata di tutti, esploreremo alcune interessanti forme di commistione.
Come mescolare i nostri dati geografici, ricavati anche attraverso l’uso di dispositivi GPS personali, attraverso l’uso di alcuni programmi di web-mapping tra cui Google Earth e Nasa World Wind. Cosa si può fare, ed in che maniera, quali sono i limiti tecnici e quali quelli dettati dalle licenze d’uso?
Ci muoveremo quindi in un’esplorazione varia e stimolante di alcune delle soluzioni più divertenti e innovative.
Sotto potete trovare dettagli e riferimenti sugli strumenti utilizzati e le relative modalità.

Strumenti utilizzati

Immagine del post
* GPS portatile Garmin Etrex Vista HCX;

Immagine del post
* Fotocamera digitale compatta Canon Powershot S400 ;

Software utilizzati per l’elaborazione
* Garmin Mapsource per lo scarico dei dati dal Garmin Etrex Vista HCX;
* GPS Trackmaker per l’elaborazione dei dati GPS e per creare il file kml;
* GPIcSync per inserire negli EXIF delle foto le coordinate corrispondenti alla posizione geografica corrispondente al momento dello scatto;
* IrfanView per la visualizzazione delle foto;
* Picasa2 per la pubblicazione delle foto su Google Earth;
* shp2kml per convertire dei file in formato shape in kml;

Servizi WEB utilizzati
* Google Pages

Elenco delle operazioni
1. Scarico i dati (foto, video, registrazioni) dalla fotocamera digitale, nota bene: la data e l’ora utilizzate per la sincronizzazione con il log GPS non sono quelle del file JPG ma quelle memorizzate all’interno dello stesso nei metadati EXIF;
2. Per georiferire i video e i commenti audio gli attribbuisco lo stesso nome dell’immagine più prossima;
3. Ridemensiono le immagini con Irfanview;
4. Scarico i dati dal GPS (file gpx);
5. Attraverso GPicSync (impostando il corretto offset del fuso orario +2 ore) inserisco nei dati EXIF delle immagini la posizione geografica, attraverso questa il sistema utilizzando un database pubblico fa il geocode dell’immagine cioè inserisce il nome del toponimo più vicino e crea il file KML;
6. Con GPS Trackmaker semplifico il log per il “volo”;
7. Con Picasa2 creo il kmz delle immagini georiferite;
8. Apro Google Earth e provo i kml/kmz creati;
9. Creo il file kmz a partire dal kml creato da GPicSync;
10. Provo il volo;
11. Carico l’immagine di una cartografia escursionistica,
12. Creo il kml dei confini comunali;
13. Creo il kml dei sentieri;
14. Spiego l’uso del network link attraverso le google pages;
15. Provo i network link.

Link
Google Earth: http://earth.google.it
Google pages e Google earth: http://code.google.com/support/bin/answer.py?answer=65629&topic=11367
Gpicsync: http://code.google.com/p/gpicsync/
Software di geocoding: http://code.google.com/p/gpicsync/wiki/OtherGeocodingSoftware
Garmin: http://www.garmin.com
GPS Trackmaker: http://www.gpstm.com/
shp2kml: http://www.zonums.com/shp2kml.html
___

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Fare geolocalizzazione con Foursquare: vantaggi per negozi, imprese e attività commerciali.