Questo mini howto è ironico … ma un fondo di utilità e verità ce l’ha: consente di stanare i super consulenti web a corto di idee … ;-)

Chi di noi ha vissuto l’era della Bolla delle DotCom, quel periodo tra il 1999 e il 2001 che ha portato ad una bolla speculativa e ad un mini crack borsistico (se paragonato a quello attuale) – si ricorderà dell’affascinante quanto incomprensibile linguaggio super High Tech con cui venivano realizzati preventivi a nove zeri, lunghissime presentazioni e sagaci quanto incomprensibili libri e interviste infarcite di frasi totalmente inutili e prive di senso.

Ora però esiste lo strumento per stanare tutte quelle persone che, ancora adesso nell’era dei Social Media, si autocompiacciono delle loro autoreferenziali infiorescenze high tech come ai “bei tempi” (si fa per dire) dell’era delle DotCom e lo fanno quando sono a corto di argomenti. Ecco:

Phibbi: il generatore di str..te per la Web Economy.

Si tratta di un divertente strumento che ho scoperto leggendo questo post del blog Marketing Park, che consente di “condire presentazioni in PowerPoint” con utilissime infiorescenze web oriented, New Media oriented, ed anche Politically oriented nel momento in cui bisogna farcire le pagine con qualcosa di inutile.

Ecco la procedura:

Come si usa Pibbi per stanare il Web Consultant DotCom Style?

Riconoscere il web consultant a corto di idee è molto semplice, basta seguire questi punti:

  1. Fase esplorativa: prima di tutto si cerca di capire se si comprende qualcosa di quello che il Web Consultant dice.
  2. Dopo avere effettuato l’attività di cui al punto 1, se si comprende poco o nulla si hanno ottimi motivi di sospettare la presenza Web Consultant dotcom style. A questo punto si procede con il punto seguente.
  3. Fase Osservazione mimica. Osservate il sorriso: se il sorriso è quello tipico del piazzista di scope, ovvero 47 denti scintillanti, all’acme del piacere anche se tutto di fronte a lui sta precipitando, anche questo è un ulteriore indizio … ma non fermatevi qui.
  4. Fase osservazione tono: osservate ciò che (di comprensibile) dice: se la sua visione del mondo è dipinta in aproblematici scenari vincenti e di super performance anni ’80, allora la conclusione del rebus è vicina: quasi certamente si tratta di un Web Consultant a corto di idee.

Mancano solo due passaggi conclusivi. A questo punto bisogna:

  1. ascoltare e annotare alcune sue frasi.
  2. confrontarle le frasi dette con Phibbi, il generatore di str@@@@@te per la Web economy

E il gioco è fatto. Se corrispondono con discorsi simili a questi, sono Web Consultant della Web Economy DotCom.

utilizzare esami di metriche uno a uno per ottimizzare i processi evolutivi, consente agevolmente di scalare accordi di partnership cross-media evitando quindi il rischio di generare canali open-source. Al contrario, se seguirete i nostri consigli dati in generosità riuscirete a Brandizzare mercati digitali distribuiti, monetizzare servizi web estensibili, integrare sforzi sinergici di prossima generazione in modo del tutto efficace e agganciare mercati B2B e B2C facendo leva su espedienti sexy
(questo testo è generato con il tool in questione, le parti in grassetto sono le celeberrime citazioni …).

Ecco come smascherare il Web Consultant DotCom style. Sotto sotto chi come me opera in questo settore, non sempre è del tutto immune da simili perle di saggezza ;-)

Visto che nessuno è immune a Phibbi, pago pegno anche io: se trovate nel mio blog Buzzes che si occupa appunto di Web Economy, simili perle di saggezza DotCom style, scrivetelo sagacemente in un commento o twittatemelo sul mio account Twitter @buzzes ;-) . A ognuno la sua dose di Phibbi! :-D

Enrico Giubertoni___

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Digitalizzazione e nuovi trend: come cambia l’economia.