Logo di Shannon.it

Archive for the ‘Internet’ Category

Thursday
Feb 26,2009

DI JOHN MADERO

Le risposte a Shannon.it di Riccardo Luna, direttore dell’edizione italiana, e il rapporto che noi di Oilproject abbiamo con Wired.

A Milano, in piazza San Babila, Wired arriva intorno al 10 del mese. Il numero di febbraio è notevole: un reportage approfondito sulle lobby ed i giochi di potere che hanno fatto saltare l’accordo pubblicitario tra Google e Yahoo!, la storia del gigante americano delle telecomunicazioni Comcast e del suo leader Brian Roberts ed una sezione della rivista dedicata agli utilizzi software – decisamente non convenzionali – della tecnologia GPS.

Questo mese, però, di Wired ne sono usciti due. Giovedì scorso è apparso il primo numero della versione italiana, sempre edita da Condé Nast.
Una sfida difficile per Riccardo Luna, che si è assunto la responsabilità di far emigrare oltreoceano un format che negli USA ha fatto la storia.
“Wired in Italia” – ci racconta Luna – “sarà identico e molto diverso da quello originale”. Identico e molto diverso? Un bel casino, pensiamo noi.
“Sarà diverso” spiega l’ex caporedattore di Repubblica – “nel senso che non più del 20 per cento dei contenuti verranno tradotti da Wired Us. Ma sarà identico nel Dna, nel modo di guardare alle cose, di cercare grandi idee che cambiano il mondo”.

Io ho diciotto anni e leggo Wired da tre: non posso negare che di aspettative sulla versione italiana ne avessi molte.
Lo spirito di Riccardo è quello giusto, ma sorge spontanea la domanda: grandi idee che cambiano il mondo, in Italia, ce ne sono davvero?
Certamente non basta la scoperta di Massimo Banzi e del suo Arduino, che Luna ha ricordato ancora nel suo intervento su Radio2 di settimana scorsa, per giustificare la nascita della rivista. Nel primo numero c’è una sezione – introdotta da un rigenerante pezzo di Luca – dedicata a 24 storie italiane “da tenere d’occhio”. La mia domanda, banale quanto volete, è: nel prossimo numero, cosa ci mettete? Le avete altre 24 storie?



Friday
Feb 13,2009

Esattamente quattro anni fa, nel febbraio del 2005, Google ha acquistato un gigantesco lotto di terreno nello stato dell’Oregon, ha costruito due magazzini – grandi ognuno come un campo da calcio – e li ha riempiti di server. Si tratta del cosiddetto “Progetto 2″.
Non è un caso isolato. Il Grande Fratello dei motori di ricerca – da solo – controlla decine di questi centri di elaborazione dislocati nei luoghi meno accessibili del pianeta.
A cosa serve questa gigantesca potenza di calcolo?
Queste reti di decine di migliaia di computer connessi ad altissima velocità alla rete Internet sono la prerogativa tecnologica di un’architettura dell’informazione e del servizio chiamata cloud computing, che non è più soltanto il pane quotidiano di Google o altre web companies della Valle del Silicio, ma è alla portata di qualsiasi privato, pubblica amministrazione o piccola azienda.



  • Comments Off
  • Thursday
    Feb 5,2009

    Oilproject – la scuola virtuale che anima le pagine di questo blog – ha organizzato per febbraio e marzo sei lezioni tenute da esperti, imprenditori o professionisti del mondo di Internet, dell’innovazione e della tecnologia.

    Ecco il calendario degli eventi gratuiti ed accessibili a tutti:

    Martedì 10 febbraio alle ore 21. Amministrazione digitale e semplificazione dello Stato
    A cura di Paolo Zocchi, presidente onorario dell’associazione “UnaRete Democrazia Digitale, Internet, Alfabetizzazione”, titolare delle cattedre di “Modelli e Strategie di E-Government” presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Roma Sapienza, e di “Tecniche della formazione a distanza” presso la Facoltà di Psicologia dell’Università dell’Aquila. È stato consigliere per l’Innovazione del Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Locali Linda Lanzillotta. È vice direttore della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale.

    Venerdì 13 febbraio alle ore 21. I social network e la privacy
    A cura di Massimo Melica, avvocato cassazionista del Foro di Milano, socio dello Studio legale Melica, Scandelin & Partners con sedi in Roma, Milano, Bologna e Madrid (www.smsp.it).Socio fondatore della Fondazione Italiana per l’Innovazione Forense (F.I.I.F.); è presidente Centro Studi di Informatica Giuridica. Titolare della cattedra di “Informatica giuridica” presso l’Università “Giustino Fortunato” di Benevento. Componente della “Commissione europea IT Law” presso il “Council of the Bars and Law Societies of the European Union” (CCBE) Bruxelles.

    Lunedì 16 febbraio alle ore 21. Percorso teorico-pratico sulle licenze Creative Commons
    A cura di Simone Aliprandi, avvocato e scrittore, è il responsabile del progetto Copyleft-italia.it e si occupa ormai da alcuni anni di diritto del settore ICT e più specificamente di copyright e copyleft. Rilascia tutte le sue opere con licenze di tipo copyleft. Fra le sue pubblicazioni più conosciute: “Teoria e pratica del copyleft”, “Capire il copyright. Percorso guidato nel diritto d’autore” e “Creative Commons: manuale operativo”.

    Martedì 17 febbraio alle ore 21. KDE 4.2: una panoramica sul desktop del futuro
    A cura di Dario Freddi e Riccardo Iaconelli, due giovanissimi programmatori milanesi che – nonostante l’età – collaborano con il gruppo internazionale di sviluppo del desktop manager KDE lavorando principalmente su Solid e Plasma. Hanno collaborato allo sviluppo dello stack di gestione energetica, della shell di Plasma, e a vari plasmoidi nell’albero principale di KDE. Lavorano inoltre su KDEmod e Chakra.

    Lunedì 2 marzo 2009 alle ore 21. La neutralità della Rete: cos’è e perché è importante parlarne
    A cura di Stefano Quintarelli, imprenditore nel campo dei sistemi multimediali, della sicurezza informatica e delle reti di comunicazione. Tra le aziende fondate Presstoday.com, ceduta nel 2006, e I.NET, quotata alla borsa di Milano e ceduta a British Telecom nel 2000. Adesso si occupa di Eximia, una società specializzata nell’applicazione della tecnologia RFID. Accanto all’attività profit ha contribuito a molte iniziative, dando vita al progetto di sostegno all’associazionismo “Mondoaperto” (90 associazioni), contribuendo alla nascita di iniziative di sistema nelle tecnologie, in particolare nelle TLC in Italia, quali Aiip.it, Mix-it.net, Clusit.it, Aipsi.org, Equiliber.org.

    Martedì 3 marzo 2009 alle ore 21. La prossima Internet degli Oggetti
    A cura di David Orban, esperto di product marketing, sales development e globalizzazione. Ha un suo blog in italiano, uno in inglese ed uno in ungherese. È CEO e fondatore di Questar. È uno dei massimi esperti italiani di mondi virtuali: su Second Life ha creato la comunità Vulcano. È advisor presso la Singularity University della Silicon Valley, supportata da Google e dalla Nasa. In California ha fondato, insieme a Leandro Agrò e Roberto Ostinelli, WideTag Inc. che, con il progetto OpenSpime, cerca di rivoluzionare – attraverso l’alta tecnologia – il rapporto tra Internet, oggetti e ambienti.

    Be Free To Learn!



    Sunday
    Jan 4,2009

    Nato nel novembre del 2000, Catapulta.it è stata delle prime realtà italiane ad occuparsi del mondo del lavoro sul web.
    Cresciuto in maniera esponenziale nel corso degli anni, attualmente il sito vanta quasi 400.000 utenti unici mensili, 4 milioni di pagine viste al mese ed oltre 100mila utenti registrati e che, attraverso l’esclusivo servizio.

    Il nostro obiettivo è quello di favorire l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro, integrando tutti i canali a nostra disposizione: il giornale in edicola, la distribuzione free press ed Internet.

    da “Chi siamo” di Catapulta.it

    Come si distingue Catapulta dagli altri siti di e-recruitment? La novità – ripresa tra l’altro da Repubblica a novembre – è quella di un canale televisivo online (una web tv, appunto) completamente dedicata alla ricerca di lavoro e alla presentazione di annunci di posizioni vacanti.

    Dalla homepage di Catapulta TV, potete guardare una robotica annunciatrice che presenta, ogni due settimane, le offerte di lavoro più interessanti, di cui poi la community potrà discutere nelle aree sociali del sito. Segue una dettagliata descrizione di quali mansioni esattamente dovrebbero essere svolte dall’utente di Catapulta che decidesse di rispondere all’annuncio.

    Un progetto che richiede senz’altro un impegno notevole da parte dello staff. Dimenticando per un attimo che si tratti di un’iniziativa – almeno in Italia – anomala e senza precedenti, siamo sicuri che il gioco valga la candela?

    Ecco le opinioni di alcuni blogger di Shannon.



    Tuesday
    Dec 16,2008

    Ecco una scheda di comparazione fra diversi sistemi di aggregazione e valorizzazione di contenuti generati dagli utenti. Si parla di BlogBabel, Liquida, Memesphere, MyBlogJournal, Technorati e Wikio.

    Vengono presi in analisi vari aspetti: supporto alla catalogazione di immagini e video, efficacia dell’interfaccia, tracking delle discussioni, sistemi di ranking utilizzati, sistema di votazione e condivisione, individuazione di articoli correlati, widget da inserire nel proprio sito, statistiche e comportamento rispetto ai contenuti dei media tradizionali.

    VISUALIZZA LA SCHEDA



    Tuesday
    Dec 2,2008

    DI MAURO RUBIN

    Qualche settimana fa sul blog di Necosi sono venuto a conoscenza di questo nuovo browser game: Fanta-Trade. Si tratta di un gioco strategico finanziario che permette di gestire un capitale (virtuale) base di 100.000 euro: ogni utente può acquistare e vendere azioni cercando di produrre più utili possibile. Shannon.it ha voluto saperne di più ed ha intervistato Andrea Grimaldi, ideatore del progetto. Nel finale vengono anche fatte alcune anticipazioni sullo sviluppo futuro del gioco.

    - Chi è l’ideatore di questo servizio?
    Ideatore, sviluppatore e promotore del progetto rimango sempre io, Andrea, 26 anni, una laurea in economia, sviluppatore Php un po’ per caso. Dai tempi dell’università mi è sempre piaciuto giocare con i numeri e d’altronde chi non spera di avere il guizzo geniale e di trovare “la formulina” che indichi la via di una veloce ricchezza tra la valanga di dati, grafici ed informazioni che ogni giorno le borse producono e che sembrano, da quanto si dice nei telegiornali, avere ricadute sulla vita di tutti? Dunque economista, sviluppatore autodidatta e… giocatore. Diciamo che fino a qualche tempo fa spendevo molto tempo su giochi di strategia (anche e soprattutto browser game). Da lì ho capito che per appassionarsi ad un gioco non è detto che debba avere una grafica mozzafiato.
    Un anno di stage in una grande azienda italiana quotata come collaboratore del responsabile di comunicazione finanziaria hanno completato le basi per dare solidità a Fanta-Trade.eu



    Wednesday
    Nov 12,2008

    L’amico ANDREA BICHIRI presenta e analizza Zooppa, un progetto italiano per lo sviluppo collettivo, attraverso un social network, di spot pubblicitari. Lo spot scelto viene poi premiato economicamente. A rispondergli c’è ENRICO GIUBERTONI di Shannon, che mette in evidenzia le differenze tra i prodotti di Zooppa (spot virali) e campagne pubblicitarie di altro genere. Buona lettura!

    Da un’idea vincente dell’imprenditore Riccardo Donadon è nata Zooppa.com, piattaforma che rivoluziona il modo di fare pubblicità sul web.

    Essa offre a tutti i creativi la possibilità di realizzare video e spot pubblicitari e ricevere premi in denaro, partecipando ai contest che le aziende lanciano sul sito per ottenere le migliori pubblicità virali. Per iscriversi ai concorsi è sufficiente entrare nel sito http://it.zooppa.com/ e creare un account personale. A questo punto ogni utente potrà decidere a quale competizione prendere parte in base ai propri interessi e le proprie capacità tecniche e artistiche.

    User generated Advertising. Zooppa collabora con diverse aziende nazionali e internazionali, interessate a sponsorizzare i loro marchi attraverso le gare che periodicamente vengono organizzate sul sito. A seconda delle indicazioni fornite dalle aziende committenti, gli utenti sono invitati a creare pubblicità per marchi o prodotti delle aziende in questione. Gli utenti registrati possono partecipare con diversi tipi di contributi: scrivere un’idea o una breve sceneggiatura per una potenziale pubblicità, realizzare delle pagine grafiche con il logo dell’azienda e un pay off, produrre un’animazione o girare un video vero e proprio.



    Sunday
    Nov 9,2008

    DI JOHN MADERO

    Una buona parte della stampa italiana sembra voler giocare a fare Dio, divertendosi a creare, far crescere e poi distruggere fenomeni mediateci legati ad Internet.

    Prima, quando già usavamo Wikipedia da anni, ci hanno coperto di reportage sulla libera enciclopedia più grande del pianeta (e c’era un ma: non garantiva la qualità delle proprie voci perchè modificabili da chiunque), poi, cavalcando il successo di BeppeGrillo.it, hanno per mesi parlato del fenomeno “blog” (e c’era un ma: i blog erano troppi, confusi e anarchici, Beppe Grillo invece era apolitico e puzzava). Poi stop. Basta.

    L’estate del 2007 – si sa, d’estate c’è poco da scrivere – ci hanno riempito la testa con approfondimenti su Second Life. Decine di paginone sui maggiori quotidiani nazionali parlando di un mondo virtuale che, sostanzialmente, aveva parecchi milioni di iscritti ma soltanto 40.000 persone connesse contemporaneamente. E ovviamente c’era un ma: la seconda vita avrebbe rischiato di prevalere sulla prima allontanando la vittima dal mondo vero (i sociologi tornano sempre utili, soprattutto d’estate). Poi la bolla Second Life è scoppiata e tutti hanno smesso di parlarne.



    Friday
    Nov 7,2008

    DI MAURO RUBIN

    Ubiquity, esperimenti per un nuovo web in casa Mozilla.

    Mozilla Labs ha creato un nuovo e utile plugin per Firefox 3.0 (non compatibile con la versione 2.0)
    Questo software permette di utilizzare una console grafica per richiamare dei comandi predefiniti che permettono di accedere a diversi servizi (Google, Wikipedia etc…) in modo rapido e innovativo. La parte forte del plugin non sono i comandi base, ma la possibilità di creare delle funzioni custom per accedere nel medesimo modo ad applicazioni standalone e qualsiasi fonte dati sul web (siti, mappe, webcam, blog, rss, per citarne alcuni).

    È inoltre possibile divulgare il proprio codice con dei semplici rss. In sostanza Mozilla Labs offre uno strumento per cambiare notevolmente l’interazione con il web, fondendo in modo originale applicazioni installate sul proprio pc e servizi web, come già sta facendo il trend considerato “cool” del Web 2.0.

    Ho deciso anche io di provare Ubiquity per capirci qualcosa di più.



    Sunday
    Oct 19,2008

    DI LORENZO PERONE

    Non c’è niente da dire, se ami la fotografia ami Flickr!
    Diventa il tuo album/portfolio personale, per le foto che ti piacciono di più e per quelle “di famiglia” da condividere solo con amici e parenti.



    Aforismi ad aeternum

    "Ratzinger ha invitato i giovani alla castità. Se funziona con loro proverà anche con i preti."
    Daniele Luttazzi

    "Ciò che ho sempre trovato di più bello, a teatro, è il lampadario."
    Baudelaire

    "Non so se Dio esiste. Ma se esiste, spero che abbia una buona scusa."
    Woody Allen

    "Dio è un commediante che recita per un pubblico troppo spaventato per ridere."
    Voltaire


    Technorati


    MyBlogLog




    Vuoi proporre un articolo?
    articoli@shannon.it

    Vuoi contattare lo staff?
    staff@shannon.it

    PARTECIPA ALLE DISCUSSIONI IN CORSO:

    • Le democrazie al banco di prova (2567)
      • Gaston Castle: I have read so many articles or reviews about the blogger lovers except this post is truly a nice article,keep it up.My blog official link
      • Leopoldo Spradling: Thanks for sharing your thoughts on %meta_keyword%. RegardsHere is my web-site … via
      • Lauri Geach: Hi there, after reading this amazing piece of writing i am also cheerful to share my knowledge here with friends.Stop by my blog post visit link
      • Brianne Heard: This is really attention-grabbing, You are an excessively skilled blogger. I’ve joined your rss feed and look ahead to in quest of more of your fantastic post. Also, I have shared your web...
      • Andy Petchy: Awesome issues here. I am very satisfied to look your post.Thanks a lot and I’m having a look forward to touch you.Will you kindly drop me a e-mail?my website :: home page
    • Oilproject presenta sei nuovi eventi gratuiti su Internet (802)
      • Victorina Pittmann: Sⲟme genuinely nice aand utіlitarian innfo on this ѡeb site, likewise I conceive the layout has ɡot excellent features.Feel fеe to surf to my site … Niki Weiser
      • Fredericka Affleck: I like this web site very much, Its a real nice bіllet tto read and obtain info.Also visit my web ѕite … utah buy 100 facebook photo likes cheap
      • Margherita Zylstra: Some reaⅼly nice and uѕefսl infо on thiѕ internet sіte, too I believe the patteгn has got ցreat features.Feel free to visit my website: bairnsdale buy 100 facebook likes cheap




    CLAUDE SHANNON




    Claude Shannon è uno dei più grandi teorici del secolo scorso. Gettò le basi per la progettazione dei circuiti digitali, scrisse una teoria dell'informazione ancora oggi ampiamente considerata, fondò la teoria matematica della crittografia e creò uno dei primi programmi scacchistici per computer.
    Maggiori informazioni


    Add to Technorati Favorites