a cura di John Madero

1) A New York più del 50% dei partecipanti è di sesso femminile. Se siete fortunati, troverete giovani PR Microsoft di 23 anni.

2) Incredibile. Oltreoceano, ai barcamp, la gente ha l’abitudine di ascoltare i talk degli altri partecipanti. E non parlo solo di poche persone…è una tendenza davvero diffusa! Insomma, nessuno imboscato nell’area rinfreschi ad aspettare solamente il proprio turno.

3) Si parla inglese, non italiano.

4) A New York i barcamp e le conferenze sono frequentati da veri venture capitalist, veramente interessati ad investire veri soldi in veri progetti che reputano validi. Non sono una leggenda come in Italia, in cui al massimo se ne sente parlare: oltreoceano si possono incontrare VC che si muovono con le loro gambe. E sono anche parecchi. Potete addirittura rivolgere loro la parola e intavolare una conversazione. Se avete un buon business plan, potrebbe essere fatta.

5) Se non vi piace il caffè americano, non provate quello che servono nei servizi di catering. E non dite che non vi avevano avvisato!

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Struttura del codice, librerie e software opensource.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Ricerca distribuita: come il lavoro degli scienziati cambia con il web.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Nome di dominio: registrazione, posizionamento sui motori e tutela.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è L’ordine dorico: il Tempio di Era (Olimpia) e il Tempio di Apollo (Corinto).

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Arte greca: la ceramica protoattica.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Scuola, ricerca, giovani e Internet: videochat con Ignazio Marino.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Introduzione a Ettore Sottsass: design e comunicazione.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è Cultura hacker: da wargames all’underground economy.

La lezione di Oilproject che ti suggeriamo oggi è L’Odusìa di Livio Andronico: riassunto e spiegazione dell’opera.