Logo di Shannon.it

Archive for September, 2007

Sunday
Sep 30,2007
DI JOHN MADERO
Immagine del post

Dal 19 marzo scorso (grazie ad un finanziamento iniziale di soli 50000 $), su Justin.tv potete seguire Justin Kan in ogni sua mossa, grazie alla webcam che si è attaccato al cappellino da cui mai si separa. Questo Grande Fratello 24/7 ha avuto un tale successo che dopo sole due settimane Justin è stato invitato alla trasmissione Today Show.

Tutti ricordano lo scherzo di cattivo gusto del 23 marzo scorso: uno spettatore ha chiamato la polizia locale denunciando un delitto in corso nello stabile da dove stava andando in onda Justin.tv, dando fra l’altro come riferimento il numero di telefono della Web Tv, reperibile da tutti sul loro stesso sito. La polizia ha fatto irruzione nella camera da letto dove Justin e i suoi amici stavano trasmettendo, scatenando un pandemonio. Tutto questo sotto gli occhi attoniti degli spettatori.

Immagine del post
Per saperne di più Shannon.it ha intervistato direttamente il CEO e co-fondatore di Justin.tv Michael Seibel.



Friday
Sep 28,2007

DI JOHN MADERO

Trovare password? Bazzicando sulla blogosfera vedrete che il nuovo “standard” è multipiattaforma e si chiama Ophcrack.
Per intenderci, riesce a craccare la password saMejus9 in 140 secondi e Fgpyyih804423 in soli 159!

Come funzione? Utilizza le cosiddette Rainbow tables, un gigantesco archivio di password che viene mano a mano copiato nella ram del vostro pc per poi essere confrontato, valore per valore, con la password da trovare.

Il meccanismo si basa sull’uso degli hash: quando una password viene salvata sul vostro pc non viene memorizzata in chiaro (in ‘plain text’), ma viene codificata con una funzione non reversibile (una delle più popolari, per esempio, si chiama MD5), il cui risultato è appunto un cosiddetto hash.
Tanto per capirci la password “pippo”, codificata con una nostra funzione non reversibile (chiamate anche “a senso unico” – “one-way”), potrebbe diventare te63h73ifd92jd62hs7fhei827dhs83e, e così essere memorizzata.

Immagine del post


Tuesday
Sep 25,2007

DI ENRICO GIUBERTONI

Nabaztag/Tag è un oggetto evoluto nato dalla società francese Violet: è un oggetto comunicante a forma di coniglio che si illumina di mille colori, parlando, cantando e muovendo le orecchie. Fa parte di una nuova serie di oggetti intelligenti in grado di essere da noi programmati secondo i nostri usi ed esigenze, che consentono forme di comunicazione bidirezionali e a distanza.

“(Nabaztag/Tag) funziona come una dashboard vivente dato che vi aggiorna tramite la rete di tutto ciò che vi accade intorno. Dalle informazioni metereologiche all’arrivo di una nuova mail per voi. Dalla pubblicazione di un nuovo post sul vostro sito preferito al report sul traffico per le strade che percorrete ogni mattina.”

Immagine del post


Sunday
Sep 23,2007
DI ENRICO GIUBERTONI
Immagine del post

Attraverso internet e il Web 2.0 Nicola Brusco e il suo sito bruscotoons.andromedafree.it, non solo ha raccolto una comunità di svariate migliaia di appassionati, ma ha anche creato nuovi linguaggi paradigmatici della satira sfruttando le dinamiche di comunicazione tipiche del web 2.0, come il recentissimo film l’Uomo della Saponetta, interamente girato con un Casting On Line su YouTube, la famiglia Signappola, una realistica quanto cinica rappresentazione della famiglia realizzata attraverso animazioni in flash, il professor Dindiot e le sue tesi scientifiche che spaziano nel mondo dell’assurdo (come la tesi dimostrata scientificamente che l’uomo abbia sei gambe e infinite teste), personaggi quali l’omino timido e il Ciccio, fino ad arrivare ai pensieri, vere e proprie riflessioni sul destino dell’umanità che nulla hanno di satirico, ma fanno riflettere.

La redazione consiglia: Io Berlusca che non sono altro oppure Jazz Christ e le beatitudini.



Sunday
Sep 23,2007
a cura della Redazione
Immagine del post

Nasce la rubrica Shannon People, un nuovo modo di affrontare il dibattito che contraddistingue questo blog (Tu scrivi, noi rispondiamo, il mondo commenta).

Quale modo migliore per stimolare una discussione se non chiamare in causa gli attori stessi di questo panorama virtuale, coinvolgendoli in Shannon con confronti, domande scritte e anche video-interviste?

I post con il logo “People” che vedete in alto a destra vi presentaranno nelle prossime settimane approfondimenti di cui saranno protagonisti le persone più varie (italiane e non), a partire dalla video intervista al brillante cartoonist satirico Nicola Brusco, fino ad arrivare ai fondatori delle ultime startup di successo della Silicon Valley.

Che dire… buon divertimento!



Wednesday
Sep 19,2007

DI FEDERICO MORO

Il percorso che segnalo di seguito per sfruttare al meglio i servizi sviluppati secondo i principi del Web 2.0 è arbitrario e non vuole essere una guida dei siti di qualità.

Prima di tutto, per chi ancora non l’avesse fatto, è bene scaricare e usare Firefox. Per quanto mi riguarda navigare con Internet Explorer è più faticoso e Firefox consente l’installazione di molti plugin che semplificano e velocizzano di molto il lavoro.

Una volta connessi, una buona tazza di caffè (o una cioccolata calda) e si comincia aprendo un account su Clipperz, gestore di password, su cui memorizzare tutti gli account: Clipperz memorizza nome utente e password e fornisce una lista di link diretti ai servizi che si utilizzano.

Un account di Google è un secondo, ragionevole step. Google Accounts è un pacchetto di servizi on line con avanzate funzioni di condivisione.

Immagine del post


Monday
Sep 17,2007

Nel giorno in cui la Corte di Giustizia della Comunità Europea respinge l’appello di Microsoft contro la multa da 497 milioni di dollari per abuso di posizione dominante (in merito vi consigliamo di leggere i resoconti di Gnuvox.info), stupiscono le parole del nuovo amministratore delegato di Microsoft Italia Mario Derba che qualche ora prima della sentenza, nonostante la recente vicenda inerente il formato OOXML, dichiara su Punto Informatico che una delle strategie su cui punta Microsoft è proprio l’interoperabilità!

Subito dopo Derba sente evidentemente il bisogno di dimostrare all’intervistatore che conosce il significato del termine ‘interoperabilità’ e aggiunge quindi “l’interoperabilità si inserisce nella strategia di apertura alle altre piattaforme utilizzate dalla clientela, senza preclusioni di principio”.

Immagine del post


Saturday
Sep 15,2007

DI JOHN MADERO

L’altro giorno ero in metropolitana e sfogliavo compiaciuto il numero di agosto di Wired quando mi è cascato l’occhio su un inquitante trafiletto: sembra che in Giappone stiano vendendo in grandi quantità un nuovo paio di mutande che, se indossate, proteggono dai cellulari ad infrarossi che un consistente numero di giapponesi sembra usare con fini poco ortodossi.

Gizmodo racconta che “in Giappone salire in gonna su un treno è ancora un invito a farsi fotografare il sedere dal primo pervertito di passaggio”. Tutto questo grazie agli infrarossi.

Immagine del post

Bel modo di inaugurare la categoria Hardware&Gadgets…



Wednesday
Sep 12,2007

DI ENRICO GIUBERTONI

Io credo sia un fatto naturale citare le marche poichè questa è (anche) la loro funzione. Le marche esistono proprio per essere riconosciute, diventare riconoscibili e per determinare una citazione (pur avendo anche altri scopi). Questo è Marketing e Comunicazione. Una volta le marche per rendersi visibili dovevano avere una comunicazione invasiva e questo era decisamente antipatico oltre che costoso.

Le nuove forme di Marketing stanno cambiando quei modelli di marketing One Way, cioè a senso unico. E come persona io cito le marche quando mi danno un utile, determinando in questo modo un incremento della reputazione di una marca. Ma altrettanto, nel mio blog cito le marche anche quando ottengo dei risultati disattesi, determinando magari un decremento della reputazione.

Immagine del post


Sunday
Sep 9,2007

DI FEDERICO MORO

Con la crescita continua della rete, il problema dell’organizzazione dei contenuti emerge sempre più; lo sviluppo di interfacce utenti sempre più intuitive e la nascita di nuovi linguaggi di programmazione veloci e poliedrici contribuiscono ad aumentare il volume di dati presenti e ad aprire molti canali tematici di scambio di informazioni.

Il web è ancora in buona parte una fabbrica di entertainment, ma la possibilità di integrare servizi interattivi gratuiti e di usare il web come piattaforma sta progressivamente (e alla consueta alta velocità) spostando nel web una serie di attività che fino a pochi anni fa erano rigorosamente off-line.

Immagine del post


Aforismi ad aeternum

"Ratzinger ha invitato i giovani alla castità. Se funziona con loro proverà anche con i preti."
Daniele Luttazzi

"Ciò che ho sempre trovato di più bello, a teatro, è il lampadario."
Baudelaire

"Non so se Dio esiste. Ma se esiste, spero che abbia una buona scusa."
Woody Allen

"Dio è un commediante che recita per un pubblico troppo spaventato per ridere."
Voltaire


Technorati


MyBlogLog




Vuoi proporre un articolo?
articoli@shannon.it

Vuoi contattare lo staff?
staff@shannon.it

PARTECIPA ALLE DISCUSSIONI IN CORSO:





CLAUDE SHANNON




Claude Shannon è uno dei più grandi teorici del secolo scorso. Gettò le basi per la progettazione dei circuiti digitali, scrisse una teoria dell'informazione ancora oggi ampiamente considerata, fondò la teoria matematica della crittografia e creò uno dei primi programmi scacchistici per computer.
Maggiori informazioni


Add to Technorati Favorites